ABB fornisce i quadri di media tensione per un progetto smart grid in Italia

2014-03-27 - Il sistema di distribuzione elettrica intelligente ridurrà le interruzioni velocizzando il ripristino del servizio in caso di guasto.
Zurigo, Svizzera, 27 marzo 2014 – ABB, Gruppo leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione, si è aggiudicata una commessa da parte della multi utility italiana ACEA (Azienda Comunale Elettricità e Acque) per la fornitura di apparecchiature di media tensione per lo sviluppo di un innovativo progetto di smart grid che interesserà una nuova sezione della rete di distribuzione elettrica di Roma. Si tratta di uno degli otto progetti pilota, approvati e parzialmente finanziati dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas.

La commessa prevede la fornitura da parte di ABB del moderno quadro di distribuzione UniSec, dotato di relè di protezione appartenenti alla famiglia di prodotti Relion. Appositamente sviluppato per le applicazioni smart grid, questo quadro, estremamente compatto, è dotato di dispositivi intelligenti per l’impiego nelle sottostazioni di distribuzione secondaria. Il progetto include anche dispositivi per le sottostazioni primarie e per interfacciare i sistemi di generazione distribuita, per una migliore affidabilità e disponibilità dell’energia.

"L'installazione di questi prodotti intelligenti consentirà di ridurre il numero e la durata delle interruzioni di servizio in caso di guasto. Gli eventuali guasti potranno così essere individuati e riparati più velocemente" - ha dichiarato Bruno Melles, responsabile globale dell’Unità di Business Prodotti di Media Tensione, della divisione Power Products di ABB. "Tutto questo si tradurrà in un migliore servizio di distribuzione dell’energia a vantaggio dei consumatori."

“La selettività logica sviluppata per il progetto” - spiega Fabio Tagliaretti, responsabile italiano dell’Unità di Business Prodotti di Media Tensione, “si basa sul protocollo IEC 61850 che consente la comunicazione tra i dispositivi intelligenti presenti nel quadro. Il sistema adotta inoltre il modello G.O.O.S.E. (Generic Object Oriented Substation Event) su rete wireless per la comunicazione tra i vari dispositivi, tra le sottostazioni e verso il sistema di controllo”.

Le due società hanno collaborato in occasione degli esperimenti iniziali, su sezioni della rete elettrica di Roma. I test hanno coinvolto due sottostazioni primarie, 76 sottostazioni secondarie, quattro impianti per la generazione distribuita, diversi clienti collegati in media tensione e circa 1.200 utenti di bassa tensione. Molte delle simulazioni sono state effettuate nel moderno Smart Lab presso lo stabilimento ABB di Dalmine.

L'integrazione di soluzioni intelligenti per l'energia, nello sviluppo delle reti elettriche, rappresenta una opportunità di sviluppo per le grandi città, perché consente di affrontare la crescente domanda di fornitura affidabile dell’energia, creando al contempo una solida base di infrastrutture per una urbanizzazione sostenibile.

ACEA è una multi utility italiana attiva nello sviluppo e nella gestione di reti e servizi nei settori dell'acqua, dell'energia e dell'ambiente, con un bacino di utenza di oltre otto milioni di abitanti.

ABB (www.abb.com) è leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione che consentono alle utility ed alle industrie di migliorare le loro performance riducendo al contempo l’impatto ambientale. Le società del Gruppo ABB operano in oltre 100 Paesi e impiegano circa 150.000 dipendenti.

Per informazioni sui termini tecnici nel presente comunicato stampa, si rimanda alla pagina web: www.abb.com/glossary


Seguici su:


Seguici su TwitterCollegati a FacebookAbbonati a YouTubeSeguici su Google PlusGet LinkedIn

ABB Italia



Follow us on TwitterGet LinkedInConnect on FacebookSubscribe on YouTube

Gruppo ABB


Cerca nel sito



CONTATTACI