L’Europa è il punto di riferimento

2017-11-10 - Intervista a Frank Duggan, Presidente della Regione Europe
Tratto dal numero 4-2017 di spazioABB

Frank, sei solito chiamare l’Europa la “centrale elettrica di ABB”: per quale motivo?
È vero. È in Europa che ABB è stata fondata, le nostre radici storiche sono qui, soprattutto per la Ricerca e Sviluppo. Se consideriamo tutte le nostre grandi invenzioni e tecnologie, anche negli ultimi anni, vediamo che molte provengono dall’Europa.

L’Europa è il nostro cuore. In che direzione ci stiamo muovendo in Europa?
Nella regione Asia, Medio Oriente e Africa, dove ho lavorato in precedenza, molti nostri clienti continuano a considerare l’Europa molto forte in termini di qualità, tecnologia, capacità e leadership. È un fatto importante per noi. Prendiamo la digitalizzazione: abbiamo il know-how per generare nuove offerte, per esempio con soluzioni pionieristiche nella trasmissione dell’energia. In percentuale, l’Europa sta investendo nelle fonti rinnovabili più del resto del mondo. Sfruttiamo al massimo questo fatto, al di là dell’Europa.



Per la digitalizzazione, quali opportunità si profilano in Europa per ABB?
La digitalizzazione cambierà il mondo. L’abbiamo visto nella nostra vita privata. E sta cambiando anche il nostro modo di lavorare. Io, per esempio, ora lascio spento il laptop per giorni e invio il 90 per cento delle e-mail dal cellulare. Siamo perennemente connessi. Aumenta la velocità. E dobbiamo avere la certezza che il nostro processo decisionale stia al passo con questa velocità, altrimenti rischiamo di rimanere indietro. In effetti, gran parte del nostro know-how applicativo e sperimentale risiede in Europa. Dobbiamo essere in grado di digitalizzare questo know-how. L’acquisizione dei dati è solo la fase iniziale, l’analisi è la fase mediana, ma la chiave sta nel generare nuove soluzioni, nuove opportunità, nuovi prodotti, nuovi modi per fare le cose. ABB ha adottato per tempo questo modo di pensare.

Quale sfida si presenta ora?
La digitalizzazione ci offre moltissime opportunità in piu. Abbiamo già sviluppato numerose soluzioni. Ora con ABB Ability le venderemo sotto un unico ombrello. Questo è importante perchè dobbiamo assicurarci di mettere lo stesso “look and feel” e una migliore articolazione delle soluzioni nel valore che diamo ai clienti. Dobbiamo ragionare di più in termini di valore per il cliente.

Come facciamo esattamente ad assicurarci che i nostri clienti siano davvero la priorità assoluta?
Io ho rinunciato a molte riunioni interne per partecipare a incontri con i clienti. Il cliente viene sempre per primo. Se non lo dimostriamo noi al vertice, non possiamo sorprenderci che la nostra organizzazione sia indecisa su quali sono le vere priorità. Le priorità risiedono nell’ottenere una quota maggiore della spesa dei clienti e concretizzarla in modo adeguato, il che naturalmente significa che alla fine ABB ne ricaverà anche dei soldi. Per esempio, quando si verifica un problema di qualità con un cliente, spesso temporeggiamo per decidere chi ha la colpa, chi deve pagare, eccetera, mentre il cliente si sente sempre più frustrato.

Puoi fare un esempio di comportamento corretto?
Ho visto molti casi esemplari nella nostra organizzazione di persone - non necessariamente io o un componente del Comitato Esecutivo e neppure un BU manager - che hanno assunto il ruolo di leader dicendo “dài ragazzi, dobbiamo risolvere la questione per il cliente”, forzando i limiti dei team e offrendo una concreta dimostrazione di questo approccio. Sono questi i casi in cui il cliente vede ABB come un partner affidabile. Come sapete, gran parte dei clienti desidera stabilire con i fornitori un proficuo rapporto a lungo termine su una solida base commerciale. Non dobbiamo credere che ogni cliente sia solo mosso dall’intenzione di approfittare di ABB. Per questo, ogni cliente deve venire prima di tutto, per ottenere reciproci benefici.

Questo rispecchia perfettamente una coppia dei nostri valori, “Collaborazione e Fiducia”...
Assolutamente. Non dovrebbero esserci all’interno di ABB situazioni nelle quali una parte dell’organizzazione ne guarda un’altra per incolparla di qualcosa. Facciamo parte della stessa realtà. Deve essere un piacere risolvere un problema insieme e soddisfare una concreta esigenza del cliente.

Qual è la tua formula vincente? Come fai in modo che le cose siano fatte?
Io credo davvero nel potere del pensiero positivo. Ammetto di essere un ottimista nato. Ma sono anche pragmatico. È facile per le persone guardare solo gli aspetti negativi, le difficolta e le sfide. Naturalmente, ci sono problemi che vanno affrontati e risolti, ma non devono mai sopraffare e superare tutte le prospettive positive e le opportunità che esistono. E basta che guardiate l’Europa: il benchmark all’interno del Gruppo è l’Europa. Diamo un’occhiata alla crescita della domanda in Europa: è costante anno dopo anno. È incoraggiante vedere tutte le heatmap in tutti i Paesi e constatare che abbiamo enormi opportunità.



Negli ultimi anni hai vissuto in 10 Paesi. Cosa ti piace della tua condizione di espatriato?
Non era nei miei piani vivere una vita da espatriato così a lungo, ma mi è piaciuto. Ogni Paese in cui sono stato con mia moglie e i miei due figli ci ha posto una sfida diversa. Ciò che ho veramente apprezzato sono state le persone e le differenti culture. Occorre creare un team basato sulla fiducia: gli altri devono diventare i tuoi occhi e le tue orecchie. In questo senso, sei probabilmente obbligato a diventare una parte attiva del gioco e a costruirti un team fidato. Si tratta di una grande opportunità per aprire gli occhi e, al tempo stesso, di un grande banco di prova della volontà e della capacità di accettare persone e culture differenti. Sono convinto che uno dei maggiori punti di forza di ABB sia la nostra cultura multinazionale, che davvero ci distingue.

L’intervista è stata condotta da Marion Mugrabi e Klaus Treichel.


Seguici su:


Seguici su TwitterCollegati a FacebookAbbonati a YouTubeGet LinkedIn

ABB Italia



Follow us on TwitterGet LinkedInConnect on FacebookSubscribe on YouTube

Gruppo ABB



Cerca nel sito



CONTATTACI